Ascolta Radio Lady Ascolta Radio Sei Sei Radio Lady
scegli la data di ricerca
Politica
22
Utenti Online:
Contatti Oggi
7427
Utenti:
8545
Pagine:
Contatti Ieri
7470
Utenti:
8746
Pagine:
  registrati
Empoli F.C.BasketCalcio UISP
scrivici un messaggio
Prato

Cna Impresa Cinese non convince Più Toscana, Arcangioli: "Rischio ghettizzazione"

Laura Arcangioli: "In che modo la Confederazione intende integrare se è la prima a fare distinguo?"
24/01/2013 - 18:01

«Siamo sicuri che “CNA Impresa Cinese” sia lo strumento giusto di integrazione e di emersione?». Se lo domanda Laura Arcangioli, responsabile di Più Toscana a Prato, dopo aver appreso dalla dalla stampa che CNA Prato, in occasione del proprio congresso del 2 febbraio, lancerà “CNA Impresa Cinese” «che, come facilmente comprensibile dal nome, si dedicherà esclusivamente alle aziende del Celeste Impero. Si è sicuri che questa netta distinzione sia lo strumento giusto per raggiungere l’integrazione e l’emersione? Inoltre, se questa scelta ha un senso, perché non si provvede ad una analoga struttura per le imprese del Medio Oriente, del Magreb etc...? Vi è il rischio che vi sia una artificiosa distinzione creando una struttura chiusa in una civiltà che tipicamente è chiusa, allontanando così qualsiasi forma di integrazione. Mi chiedo se CNA abbia pensato al rischio di ghettizzazione e se abbia preso idonee misure per evitarlo». 

 
 
Per Arcangioli, «dall'altro lato, vista anche la vicepresidenza cinese di CNA, vi è il rischio che si crei un club elitario degli "uomini del vicepresidente", divenendo potenzialmente un centro di tutela degli interessi degli orientali, forse anche a discapito degli altri associati». 
 
 
Per l’esponente di Più Toscana, andando alla radice del problema, sarebbe interessante sapere «quale sia la definizione che CNA dà di impresa cinese e in che modo la Confederazione intenda fare integrazione se è la prima a fare distinguo. Per fare un esempio, un cittadino italiano, figlio di immigrati cinesi che non è mai stato in Cina, che è nato e vive a Prato, che non conosce minimamente la lingua cinese ed è a guida di un’impresa è da ritenersi per CNA imprenditore cinese o imprenditore italiano? Per me – conclude – è semplicemente un imprenditore che ha i diritti e gli obblighi di tutti gli altri. E per CNA?».
 

Fonte: Più Toscana


 
Invia
 
 

Nessun Commento Inserito
la tua cittĂ 
notizie oggi gonews24 ultimi commenti
Feed RSS
Feed podcast
Feed podcast
Firefox Opera Internet Explorer Safari Valid XHTML 1.0 Valid CSS 2.0 Valid WAI 1.0 powered by Genetrix