Ascolta Radio Lady Ascolta Radio Sei Sei Radio Lady
scegli la data di ricerca
Front Office
11
Utenti Online:
Contatti Oggi
1720
Utenti:
1797
Pagine:
Contatti Ieri
9845
Utenti:
10455
Pagine:
  registrati
Empoli F.C.BasketCalcio UISP
scrivici un messaggio
Firenze

L'Asl 10 distribuisce un vademecum in occasione dei mondiali di ciclismo

E' previsto l'afflusso in città di circa 300mila tifosi provenienti da tutto il mondo. Tutti i numeri
18/09/2013 - 11:12

Maratona per garantire la miglior assistenza sanitaria ai fiorentini, agli appassionati di ciclismo, ai turisti, agli atleti durante i Mondiali di ciclismo in programma in Toscana da domenica 22 a domenica 29 settembre prossimi, con un anticipo sabato 21 quando iniziano gli allenamenti.
 
 
L’Azienda sanitaria di Firenze ha messo in piedi una task force che da mesi sta limando un piano strategico per far fronte a una settimana durante la quale è previsto l’afflusso in città di circa 300 mila tifosi provenienti da tutto il mondo che nelle tre giornate conclusive – venerdì, sabato e domenica – potrebbero essere molti di più. Infatti in tutta la Toscana lungo il tracciato dei Mondiali è atteso più di un milione di persone.
 
 
Ai circa mille atleti – intorno ai quali si muovono almeno altre 6 mila persone accreditate ad oggi fra preparatori atletici, direttori sportivi – si aggiungono 1.400 giornalisti, cameramen e 150 fotografi di oltre 800 testate giornalistiche, nonché 300 persone impegnate nel lavoro degli staff organizzativi.
 
 
Le gare si svolgeranno una al mattino e una al pomeriggio e dall'inizio della prima gara fino alla fine dell'ultima lungo i percorsi la circolazione sarà vietata. I tracciati stradali di fatto dividono la città in due.
 
 
Le vie maggiormente interessate sono: via Pistoiese, via Baracca, piazza Puccini, via delle Cascine, piazza Vittorio Veneto, viale Lincoln, piazzale Kennedy, via della Tinaia, piazzale delle Cascine, viale dell'Aeronautica, piazzale dell'Indiano, viale Washington, viale fratelli Rosselli, piazzale di Porta al Prato, via Il Prato, via Curtatone, lungarno Vespucci, piazza Goldoni, lungarno Corsini, via Tornabuoni, via Strozzi, piazza della Repubblica, via Brunelleschi, via dei Pecori, piazza del Duomo, via dell'Oriuolo, piazza Salvemini, via Verdi, piazza Santa Croce, via dei Benci, lungarno alle Grazie, piazza Cavalleggeri, lungarno della Zecca Vecchia, piazza Piave, lungarno Pecori Giraldi, lungarno del Tempio, via Piagentina, cavalcavia dell'Affrico, viale Edmondo De Amicis, via Amari, viale Manfredo Fanti, viale Calatafimi, via Cento Stelle, via San Gervasio, via dei Sette Santi, viale dei Mille, viale Paoli, viale Augusto Righi, via di San Domenico, via Salviati, via Bolognese, via Trieste, via Trento, Ponterosso, via Mafalda di Savoia, largo Zoli, via Pascoli, viale Don Minzoni, cavalcavia delle Cure.
 
 
Il dettaglio, giorno per giorno e ora per ora, si può consultare nel sito predisposto dal Comune di Firenze.
 
 
Le difficoltà per chi ha bisogno di prestazioni sanitarie in quei giorni derivano per lo più dai problemi di traffico che inevitabilmente ci saranno e renderanno disagevole ogni tipo di spostamento.
 
Il 118 e le emergenze
 
 
Naturalmente i mezzi di soccorso, forze dell’ordine, vigili del fuoco e ambulanze avranno corsie preferenziali e varchi lungo il tracciato. Con un impegno straordinario del personale e del volontariato che opera nel settore, sono state rafforzate le presenze per poter rispondere in caso di necessità straordinarie.
 
 
L’organizzazione del servizio è immutata, con la centrale operativa che smista le chiamate e gli interventi tenendo conto dei percorsi che i mezzi devono fare. Le ambulanze partiranno dai loro abituali punti di sosta che coprono l’intero territorio provinciale, e sono state predisposte, in alcuni momenti di maggior afflusso di visitatori, 3 postazioni temporanee di soccorso dislocate in  punti strategici delle gare (in zona Cascine, stadio e Fiesole).
 
 
Sono inoltre presenti in varie parti della città 7 auto mediche, 15 ambulanze con medico a bordo e 11 ambulanze solo con personale sanitario.
 
 
Pronto soccorso e ospedali
 
 
Gli ospedali di Torregalli e Ponte a Niccheri, facilmente raggiungibili dall’autostrada, rimarranno il punto di riferimento principale per le emergenze che dovessero interessare la fascia a sud dell’Arno ed anche i quartieri più orientali della città. A nord sono ovviamente in funzione Careggi e il Meyer, di fatto piuttosto distanti dal percorso di gara. La situazione più delicata è quella dell’ospedale di Santa Maria Nuova, toccato da vicino dalle competizioni e comunque nel cuore del maggior punto di attrazione dell’evento.
 
 
Regolarmente in funzione come punto di riferimento per i rispettivi bacini di utenza ed eventuale supporto gli ospedali di Borgo San Lorenzo e Figline Valdarno. La direzione dell’Asl 10 ha rafforzato la presenza di medici, infermieri e personale sanitario garantendo la completa copertura dei turni. Ridotta ma non sospesa l’attività chirurgica di elezione lavorando sulla programmazione delle liste e tenendo conto delle urgenze proprio per evitare ai cittadini di dover raggiungere gli ospedali in un momento di gran confusione. 
 
Prestazioni sanitarie
 
 
Nei mesi scorsi il Centro unificato di prenotazione (Cup), d’intesa con laboratori, ambulatori, centri specialistici, ha alleggerito il carico di esami, visite e analisi nella “settimana nera”, anticipando o posticipando le richieste, per evitare che chi deve fare un prelievo del sangue, una radiografia, un controllo rischi di trovarsi imbottigliato nel traffico, abbia difficoltà di raggiungere il presidio disponibile, salti l’incontro fissato.
 
 
Appuntamenti diradati ma non sospesi e recuperati tenendo conto, ovviamente, delle priorità sanitarie. Dal 23 al 29 settembre il Cup ha in agenda più di 6 mila prestazioni, di cui quasi 1.300 solo nella zona di Firenze, con una diminuzione qui di circa il 14% sulla media, “spalmata” nelle settimane a ridosso con un equivalente aumento.
 
 
I punti dove vengono fatti prelievi, nell’arco della settimana mondiale hanno anticipato alle 6.30 l’apertura, grazie anche alla disponibilità del personale che ha modificato i propri turni.
 
 
È indispensabile sapere che i prelievi non saranno effettuati dopo le 7.30.
 
 
Questo per consentire ai pazienti di non trovarsi in movimento proprio nelle ore mattutine in cui si svolgono le gare e garantire il trasporto dei campioni al laboratorio. In quell’orario verranno eseguiti prioritariamente i prelievi per l’INR/TAO, per le donne in gravidanza, i portatori di handicap, le effettive urgenze.
 
 
Chi necessita di una curva glicemica può rivolgersi ai presidi ospedalieri di Ponte a Niccheri e di Torregalli. A quest’ultimo ci si può rivolgere anche per l’esame della prolattina (prl).
 
 
L’invito a quanti necessitano di fare un esame ad accesso diretto presentandosi spontaneamente senza appuntamento in uno dei circa 12 ambulatori sparsi per la città, è quello di spostarlo di qualche giorno se non è urgente, o almeno di armarsi di santa pazienza e non escludere qualche ritardo o complicazione.
 
 
Nessun servizio comunque è stato sospeso, ad accezione del presidio delle Piagge dove sono stati ridotte alcune attività. Funziona regolarmente salvo lunedì 23, mercoledì 25 e venerdì 27 in cui è aperto solo fino alle 12 e sabato 21 e sabato 28 in cui è chiuso.
 
 
Il presidio di Camerata, che venerdì e sabato si trova proprio a ridosso del circuito, garantisce i prelievi da lunedì 23 a mercoledì 25 mentre nei giorni di giovedì 26,  venerdì 27 e sabato 28 i prelievi urgenti e le prestazioni ambulatoriali non differibili verranno effettuati al presidio di Compiobbi con il quale devono essere presi anche eventuali accordi per le prestazioni domiciliari. Giovedì 26 e venerdì 27 sarà chiuso anche il servizio di riabilitazione del presidio di Camerata.
Qualche difficoltà è inoltre possibile al presidio di via Gabriele D’Annunzio che si trova in una posizione proprio limitrofa alla “pista” interessata e che resta chiuso martedì 24, venerdì 27 e sabato 28.
 
 
Per quanto riguarda gli altri presidi cittadini sono tutti aperti regolarmente ma l’importante è rivolgersi a quello più vicino evitando un percorso che incroci l’itinerario di gara.
 
 
Nei presidi di via D'Annunzio e di viale Morgagni le radiologie sono chiuse da lunedi 22 a sabato 28. Le urgenze verranno effettuate al Palagi. I servizi di radiologia degli ospedali sono stati rinforzati ad uso interno.
 
 
È sospesa l’attività dell’ambulatorio odontoiatrico delle Piagge, e ridotta quella al presidio di viale Morgagni. Al San Giovanni di Dio e al Palagi sono stati rafforzati i servizi per le urgenze.
 
 
Sono aperti gli ambulatori e i servizi di front office della salute mentale per l’infanzia e l’adolescenza nei presidi di lungarno S. Rosa, via Chiusi, via Fanfani e viale Reginaldo Giuliani, mentre sono chiusi per tutta la settimana quelli di via D’Annunzio.
 
 
Dializzati e trasporti volontari
 
Un considerevole impegno è stato speso per poter garantire i servizi domiciliari che, ovviamente, comportano uno spostamento anche nelle zone “off-limits” e in orari che possono coincidere con quelli delle manifestazioni sportive, così come per quei pazienti che necessitano di apparecchiature medicali o di cure in day hospital. Si è per esempio fatto in modo che gli oltre 350 fiorentini con insufficienza renale i quali si sottopongono a trattamenti di emodialisi, possano essere accompagnati o raggiungere autonomamente le sedi dove vengono garantite quelle cure e altre analoghe salvavita. Un piano dettagliato d’intesa con le associazioni del volontariato, le cooperative sociali e i Comuni è stato messo a punto per garantire il trasporto di tutte quelle persone che vengono accolte durante il giorno in centri di cura, socializzazione o assistenza.
 
 
Per quei circa 600 pazienti che a domicilio hanno necessità di apparecchi elettromedicali (ventilatori, aspiratori ecc.) è stato previsto un piano di supporto in caso di guasti con il quale o gli vengono consegnati strumenti alternativi, o al limite, si provvede al suo ricovero. Un contatto diretto è stato preso con tutti quei pazienti che necessitano di cure domiciliari per i quali il servizio continua ad essere garantito eventualmente solo con spostamenti di orario concordati.
 
 
Per gli anziani, i disabili e i minori che usufruiscono, recandosi autonomamente o con un servizio di accompagnamento, dei centri diurni – in tutto si tratta di alcune centinaia di persone – si è cercato di garantire con l’aiuto delle associazioni convenzionate il trasporto, eventualmente anticipando gli orari a partire dalle 7 o posticipando gli orari di chiusura fra le 17.30 e le 18.30, anziché alle 16. Le difficoltà maggiori riguarderanno soprattutto coloro che abitano all'interno del circuito Firenze-Fiesole nella giornata di venerdì. In poche decine di casi si è provveduto a informare le famiglie in modo che possano organizzarsi in proprio o garantendo una soluzione alternativa, perlopiù un ricovero temporaneo presso una struttura residenziale, come talvolta è già avvenuto in situazioni di emergenza. 
 
Giovani e donne
 
I giovani che hanno bisogno di rivolgersi a un centro di consulenza lo trovano aperto in quella settimana lunedì 23 settembre al Palagi in viale Michelangelo 41 dalle 14 alle 17 (tel.055-6937418); martedì 24 a Campi Bisenzio in via Rossini dalle 14.30 alle 18. (tel. 055-8731432) o a Borgo San Lorenzo in via La Pira 4 dalle 14 alle 17 (tel. 055-6939137); mercoledì 25 a Sesto fiorentino in via Gramsci 561 dalle 14.45 alle 17.45 (tel. 055-4498265), a Grassina in via Dante Alighieri 36 dalle 15 alle 17 (tel. 055-641760 / 055-640642), a Pontassieve in via Tanzini 23 dalle 14 alle 18 (tel. 055-83047271); giovedì 26 a Sesto fiorentino in via Gramsci 561 dalle 14.45 alle 17.45 (tel. 055-4498265), a Scandicci in via Vivaldi dalle 15 alle 18 (tel. 055-7294215/200). 
 
 
Il servizio di ginecologia è sospeso al presidio delle Piagge nei giorni di sabato 21, lunedì 23 pomeriggio, mercoledì 25, venerdì 27 e sabato 28. In quello di via Gabriele D'Annunzio è sospeso martedì 24, venerdì 27 e sabato 28, ma uno specialista è presente lunedì 23 dalle 7.30 alle 13, mercoledì 25 dalle 9 alle 13 e dalle 14 alle 18 e giovedì 26 dalle 9 alle 14. In via Canova il servizio di ginecologia è disponibile lunedì 23 dalle 8.30 alle 12.30, martedì 24 dalle 8 alle 14 e mercoledì 25 dalle 8 alle 13. Presenza tutti i giorni invece nei presidi di viale Morgagni e al Palagi. Nel primo uno specialista è disponibile lunedì 23 dalle 8 alle 18, martedì 24 dalle 8.30 alle 12.30, mercoledì 25  dalle 8.30 alle 12.30, giovedì 26 dalle 8 alle 13 e dalle 13.30 alle 17.30 nonché sabato 28 dalle 8.30 alle 12.30. Al Palagi lunedì 23 dalle 8.30 alle 12.30 e dalle 14 alle 17, martedì 24 dalle 8 alle 13 e dalle 14 alle 18.30 nonché l’accettazione per l’interruzione volontaria di gravidanza dalle 8 alle 13.30 che nello stesso orario è aperta anche giovedì 26. Mercoledì 25 la ginecologa riceve dalle 8 alle 12.30 e dalle 13 alle 18.30, venerdì 27 dalle 8 alle 14 e sabato 28 dalle 8.30 alle 12.30.
 
Vaccinazioni
 
I fiorentini che hanno necessità di sottoporsi a vaccinazione in quella settimana possono effettuarle solo al presidio di via Gabriele D’Annunzio lunedì 23 dalle 8.30 alle 13.30 e dalle 14 alle 18, mercoledì 25 dalle 8.30 alle 13.30 e dalle 14 alle 19, e giovedì 26 dalle 8.30 alle 13.30 e dalle 14 alle 18.30. Oppure al presidio di via Canova dove le vaccinazioni vengono fatte martedì 24 dalle 14.30 alle 18.30 e venerdì 27 dalle 8.30 alle 13.30 e dalle 14 alle 18.30. In caso di urgenze per vaccinazioni internazionali si può telefonare come di consueto il mercoledì e venerdì dalle 8.30 alle  10.30 allo 055-6933756.
 
La salute degli atleti
 
L’Azienda ospedaliera universitaria di Careggi d’intesa con l’Azienda sanitaria di Firenze in particolare per la fornitura delle ambulanze, provvederà a garantire la sicurezza agli atleti, agli staff, agli accreditati sia per quanto riguarda eventuali emergenze che per quanto riguarda l’assistenza sanitaria ordinaria che farà capo all’ospedale di Careggi. Le macchine e le moto che “correranno” a fianco dei campioni sono state messe a disposizione dalla Federazione internazionale ciclistica che ha organizzato l’evento, ma i medici – cardiologi, specialisti in traumatologia e in medicina sportiva – fanno parte del Servizio sanitario regionale, così come le ambulanze e il personale che si trova su di esse, presenti alla linea di partenza e in punti strategici dei percorsi durante la corsa.
 
Logistica dietro le quinte
 
Perché tutto funzioni nel migliore dei modi e l’erogazione dei servizi al cittadino sia la più ordinaria possibile, garantendo anche la possibilità di intervenire in caso di vera e propria emergenza, i responsabili dei vari dipartimenti e uffici dell’Azienda sanitaria hanno dovuto intraprendere una vera e propria gimcana, inventando, facendo sforzi di fantasia, ipotizzando gli scenari più cupi, raccogliendo tutti i dati che consentono di capire di cosa c’è bisogno. Si è dovuto fare in modo che le farmacie degli ospedali siano rifornite di medicinali in via eccezionale, o che i camion che portano lenzuola e biancheria pulita non si perdano in un ingorgo come nel peggior giorno di neve. E ancora essere certi che se viene ritardata la dimissione di un paziente verso una casa di cura perché non ci sono mezzi disponibili per trasportarli o perché è ancora in svolgimento la “cronometro a squadre” sia possibile ospitarlo per più tempo garantendogli, all’occorrenza, un pasto in più rispetto a quelli del carrello. La macchina che trasporta le provette con i prelievi di sangue dall’ambulatorio al centro dove vien fatto l’esame deve essere certa di non arenarsi in una coda senza fine scandita solo dai clacson. Tutto questo è stato fatto e solo domenica 29 la task force coordinata dal responsabile della struttura per le maxi-emergenze Gino Calzeroni, potrà tirare un sospiro di sollievo sperando proprio di poter dire: “Ce l’abbiamo fatta”.

Fonte: Azienda Sanitaria Firenze


 
Invia
 
 

Nessun Commento Inserito
la tua cittĂ 
notizie oggi gonews24 ultimi commenti
Feed RSS
Feed podcast
Feed podcast
Firefox Opera Internet Explorer Safari Valid XHTML 1.0 Valid CSS 2.0 Valid WAI 1.0 powered by Genetrix